Via Corso Italia 222 Arezzo

University of California: “15 minuti di massaggio sono la risposta naturale a moltissime malattie”

 

L’ossitocina (OT) è noto come “l’ormone dell’amore”, in quanto favorisce le interazioni sociali ed è implicata in molteplici aspetti della vita affettiva e relazionale, ma non solo: in realtà è molto molto di più.

E’ fondamentale perché aiuta a ridurre la pressione arteriosa ed i livelli di cortisolo; aumenta la soglia del dolore; riduce l’ansia, il nervosismo, gli attacchi di panico e promuove anche la crescita e la guarigione.

Inoltre è scientificamente provato che l’ossitocina induce autostima e fiducia in sé. Non a caso alcune star del cinema e della tv, utilizzano uno spray all’ossitocina, per contrastare la paura di esibirsi in pubblico.

Ci sono stati, in passato, diversi studi che hanno cercato di correlare il massaggio e la produzione di ossitocina negli esseri umani, ma l’ultimo è quello che ha dato i risultati più evidenti.

Questo studio è stato effettuato presso l’Università della California, Los Angeles (UCLA), una delle Università di ricerca tra le più prestigiose al mondo. 95 persone hanno dato il proprio consenso informato per partecipare allo studio. Il gruppo di intervento era formato da 65 partecipanti, mentre il gruppo di controllo da 30 partecipanti.
I ricercatori hanno esaminato l’effetto del massaggio sull’ossitocina e hanno anche misurato il suo effetto su altri fattori fisiologici, tra cui l’ormone adrenocorticotropo o corticotropina (ACTH), l’ossido nitrico (NO) e l’endorfina beta (BE).
Per il gruppo di intervento, che ha ricevuto il massaggio, il team di ricerca ha effettuato il prelievo di sangue prima e dopo 15 minuti di massaggio. Al gruppo di controllo (quello a riposo) è stato effettuato un primo prelievo subito e un altro dopo 15 minuti di riposo.

Confrontando i risultati tra coloro che avevano ricevuto il massaggio e coloro che erano stati a riposo, ci sono state differenze significative.
Ne è venuto fuori che nel gruppo che ha ricevuto il massaggio, l’OT è stata liberata in quantità notevoli (e badate, dopo soli 15 minuti di massaggio), in modo naturale; inoltre sono diminuiti ACTH, NO e BE.
Questi risultati possono aiutare a spiegare i meccanismi attraverso i quali un “semplice” massaggio migliori la risposta a numerose malattie.

Articolo ripreso dal sito di Consalvo Santilli

Recensioni

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *